Storia

L’Associazione Jus Vitae si costituisce nel 1996 e nasce da un progetto del Sac. Antonio Garau, per incentivare il dialogo fra i popoli e lo sviluppo socio – economico – politico – culturale di ogni individuo, con particolare attenzione al mondo giovanile e ai minori che vivono in particolari condizioni di disagio, cercando di attuare relativamente al proprio raggio d’azione una lotta alla mafia già prevista dallo statuto.

Dalla sua costituzione ad oggi, l’Associazione ha promosso una serie di iniziative atte alla divulgazione dei propri intendimenti: gemellaggi, convegni di scambio e collaborazione con le altre realtà associative di volontariato presenti nella regione Sicilia, colonie estive per minori e attività di supporto scolastico, ed ancora laboratori ludico-ricreativi.

Di seguito si riportano le principali iniziative e servizi espletati:

Collaborazione – inizialmente con la Parrocchia ìMadonna di Lourdesî di Piazza Ingastone (Palermo) e adesso con la Parrocchia ìMaria SS. del Carmelo ai “Decollati” (Palermo) nella realizzazione di colonie estive per minori a rischio.

Marzo 1998 – una serie di incontri e dibattiti fra le componenti studentesche cittadine e le autorità civili, militari e religiose della città, che hanno portato alla realizzazione di un convegno, il cui tema era “I mass-media sostegno indispensabile per la pace e il progresso fra i popoli del Mediterraneo”.

Dicembre 1998 – progetto “I Mass media a servizio dei giovani”, con la collaborazione della Presidenza della Regione Siciliana e della Provincia Regionale di Palermo; un confronto tra tutte le istituzioni regionali, televisive e giornalistiche e gli studenti della città.

Anno 2000 – promotrice, con il Comune di Palermo e tutte le associazioni che vi hanno aderito, del primo “Telefono verde del volontariato cittadino” che, purtroppo non esiste più solo per la superficialità degli uomini.

Gennaio 2000 – ospitato nell’ambito del progetto italo-americano “Confronto 2000”, un gruppo di giovani, tra i 16 e i 18 anni, provenienti da Detroit (USA), che hanno così potuto conoscere attraverso vari incontri le realtà sociali siciliane e scoprire i luoghi di origine delle loro famiglie.

Marzo 2000 – progetto “Una Sicilia produttiva”, servizi offerti dalla Provincia Regionale di Palermo; un gemellaggio fra i giovani palermitani, fra i 15 e i 18 anni, e una delegazione di coetanei appartenenti ai comuni di Napoli, Genova, Schio, Pisa, Caselle in Pittari, al fine di far conoscere l’impegno sociale dell’Associazione alla cittadinanza e ai giovani ospiti e dare la possibilità di rivalutare l’immagine mafiosa che Palermo per anni ha avuto.

Per tutto l’anno 2000 – realizzato il progetto “Campus Città di Palermo”, in collaborazione con il Comune di Palermo, presso l’Università degli Studi di Palermo; momenti culturali con dibattiti, cineforum, gemellaggi e feste.

Anno 2001 – attraverso la fiducia della Prefettura, realizzato un progetto di promozione umana a favore di 100 bambini che sono stati seguiti per un intero anno dall’attività scolastica a quella ludica, da quella culturale a quella estiva.

Dall’ottobre 2002 – nonostante l’aumento dei bisogni del territorio, ci ritroviamo ad essere presenti nella Parrocchia ìMaria SS. del Carmelo ad operare a favore dei bambini, scoperti da ogni tipo di sovvenzione ed a realizzare ogni tipo di attività, sostenuti solamente dalla Provvidenza di Dio.

Nel 2003 – si continua nella realizzazione di centri di aggregazione per minori e giovani, realizzando oltre che molteplici attività invernali, le colonie estive.

Dal 2004 – l’Associazione ha deciso di lavorare per i popoli dell’Africa, facendosi promotrice di diversi progetti a favore del Burundi e dei paesi più poveri; nasce infatti, da una visita presso questo paese del centro dellíAfrica, un intenso rapporto di cooperazione fra l’Associazione e i Vescovi delle diocesi. Diversi i progetti intrapresi: la realizzazione della Casa Famiglia “Don Pino Puglisi”, con l’ausilio fondamentale del Consorzio Palermo Lavora, che ospita trenta minori orfani e “figli della guerra”; il progetto di adozione a distanza per sostenere 100 giovani negli studi; collaborazione con l’ospedaletto di Muynga, per bimbi poliomielitici. Ed ancora, Ë stata interessata a queste attività, l’Università degli Studi di Palermo che ha successivamente intrapreso una serie di iniziative a favore del popolo africano.

Nel 2005 – grazie alla collaborazione del Comune di Palermo, realizzato il progetto “San Giuliano” che ha visto protagonisti numerosi minori della città.

Nell’estate 2005 – inaugurato “Papirolandia” struttura balneare per soli bambini sita nella spiaggia di Scopello (Castellammare del Golfo), dove nel periodo giugno – settembre si ospitano circa 6000 minori provenienti da Palermo e Trapani con notevole collaborazione dei servizi sociali territoriali.

Nel 2006 – progetto “Piccoli e grandi”, realizzazione di attività a favore di minori ed anziani; ed ancora per il progetto “Io, tu, noi…”, sempre con il Comune di Palermo, a favore di minori disagiati.

Dicembre 2006 – inaugurata la Casa Famiglia “San Giuseppe” a Partanna Mondello, per ospitare ragazze dai 14 ai 17 anni con gravi situazioni familiari alle spalle.

Inverno 2007 – abbiamo continuato ad ospitare ogni giorno minori segnalati dai servizi sociali aiutandoli e sostenendoli negli studi, senza alcun finanziamento pubblico ma con la sola forza del volontariato.

Estate 2007 – ospitato circa 100 anziani con il progetto “Memoria Storica”, Comune di Palermo.

Estate 2007 – ospitato circa 3.000 minori provenienti da tutta la città, segnalati dai servizi sociali, presso una mini struttura ricreativa denominata “Oretolandia” negli spazi di Via Decollati, 2/C.

Settembre 2007 – con il Comune di Palermo il progetto “Oretolandia”, attività in favore di minori.

Gennaio 2008 – con il Comune di Palermo il progetto “Oretolandia”, attività in favore di minori.

Estate 2008 – inaugurato il “Centro Giovanile Padre Pino Puglisi” in una villa confiscata alla mafia a Santa Flavia.

Estate 2008 – ospitato circa 3.000 minori provenienti da tutta la città, segnalati dai servizi sociali, presso una struttura ricreativa denominata “Papirolandia” presso la Baia di Guidaloca a Castellammare del Golfo.

Settembre 2008 – con il Comune di Palermo il progetto “Oretolandia”, attività in favore di minori. Sostegno scolastico, laboratori ludico – ricreativi, attività sportive. Iniziative realizzate in rete con le scuole palermitane e il Servizio Sociale Territoriale.

Settembre 2008 – con la Regione Sicilia il progetto di solidarietà internazionale “Aiutiamoci per Aiutare”, per la costruzione di micro fattorie in Burundi.

Dicembre 2008 – presentazione del calendario 2009 realizzato dall’Avv. Tullio Fortuna.

Maggio 2009 – inizio lavori relativo al progetto di ristrutturazione del reparto pediatrico dellíospedale di Mabaj.

Giugno 2009 – contribuito, con la diocesi di Muynga, alla realizzazione di un acquedotto in Burundi.

Estate 2009 – aderito al progetto promosso dal Comune di Palermo, denominato “Tempo Vacanze 2009”.

Ottobre 2009 – organizzatrice festival per “Don Pino Puglisi”, con la partecipazione tra le altre di Pippo Pollina con líOrchestra Sinfonica del Conservatorio di Zurigo.

Novembre 2009 – organizzatrice del V Premio Internazionale “Padre Pino Puglisi”

Dicembre 2009 – partecipe alla costituzione della “Rete dei Centri di Aggregazione Giovanili di Palermo” allo scopo di incrementare azioni sinergiche a favore degli adolescenti palermitani.

Dicembre 2009 – presentazione del calendario 2010 realizzato in collaborazione con il Dott. Giovanni Pepi ed il Prof. Tommaso Romano.

Dicembre 2009 – organizzatrice in collaborazione con la Questura di Palermo e con l’Associazione “Quelli della Rosa Gialla” di una campagna di sensibilizzazione contro l’abuso dell’alcol fra i giovani.

L’Associazione Jus Vitae ONLUS, per le sue attività, dispone dei seguenti Centri:

Centro “Oretolandia” sito in Palermo in Via Decollati, 2, Centro Aggregativo per minori e giovani;

Centro “Papirolandia”, bene confiscato alla mafia, lido balneare per bambini e giovani, sito sulla Baia di Guidaloca in Castellammare del Golfo (TP);

Centro “Don Pino Puglisi”, bene confiscato alla mafia, centro aggregativo per bambini e giovani, sito in Castellammare del Golfo;

Centro “Maria SS. dello Spirito Santo”, struttura recettiva con possibilità di pernottamento sito a Castellamare del Golfo;

Casa famiglia “San Giuseppe”, bene confiscato alla mafia, casa famiglia per ragazze dai 14 ai 17 anni sito a Palermo;

Centro “Don Puglisi”, bene confiscato alla mafia, centro aggregativo per minori e giovani sito nel Comune di Santa Flavia;

Centro “l’Arca di Noè”, in collaborazione con la Jus Vitae Soc. Coop. Sociale, bene confiscato alla mafia, sito in Palermo a Ciaculli, Centro aggregativo   per minori e anzianiî;

Casa famiglia “Speranza”, che ospita orfani di guerra a Muynga in Burundi;

Centro Agrituristico “Ecotour” a Mabay in Burundi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *